Pulsante: Dona ora

#1/2022
Riz

Ci affidiamo ai larici affinché la foresta montana continui a svolgere la sua funzione di foresta di protezione e protegga la strada del passo del Giulio.

L'abete rosso sta soppiantando il larice e sta togliendo l'habitat alle specie arboree autoctone. L'abete rosso, tuttavia, è meno robusto e ha difficoltà a far fronte ai crescenti cambiamenti climatici. Inoltre, è meno adatto come bosco di protezione. Per questi motivi, interrompiamo la rigenerazione dell'abete rosso e promuoviamo invece il larice. La luce ottenuta permette ai giovani larici di crescere e svilupparsi. In questa fase è importante proteggerli dalla selvaggina con un'unica recinzione. A lungo termine, potranno tornare a svolgere il loro ruolo di foresta protettiva.

Perché il progetto «Riz» è importante!

Il cambiamento climatico è un dato di fatto e pone grandi sfide per noi e soprattutto per la foresta. Entro la fine del XXI secolo, i livelli di altezza della vegetazione si sposteranno verso l'alto di 500-700 metri. Ciò significa che, se il riscaldamento climatico continuerà, un albero di oggi dovrà essere piantato 500 metri più in alto per avere la posizione ideale per le sue dimensioni. I primi segni del cambiamento climatico si manifestano sotto forma di estati calde e secche. Questo crea condizioni difficili per molte specie di alberi e piante. Nei Grigioni, ad esempio, l'abete rosso difficilmente potrà resistere a questi cambiamenti climatici. C'è il rischio che gli alberi muoiano e che ciò comporti rischi di valanghe e di erosione.

Il progetto in numeri

Sostenitori
Donazioni raccolte
Finanziato
Torna alla panoramica